Milani, Don Lorenzo

Condividi...

Risorse

    • www.donlorenzomilani.com
    • www.internazionale.it
    • www.informagiovani-italia.com
    • www.youtube.com
    • Lorenzo Faranda, Viola Ferrante, Giuseppe Guerra, Alessandro Zanella (classe I N, L.C. Virgilio Roma)
    • Damiano Caroni, Flavia Rinaldi, Lucrezia Agliani, Alice Petrosino (classe I N, L.C. Virgilio Roma)
    • Elisa Di Filppo, Saverio Fiori, Zeno Maltese, Giorga Vacca (classe I N, L.C. Virgilio Roma)
    • Sophia Albert, Eleonora Belardi, Ludovica Ciminera, Lucia Ninu (classe I N, L.C. Virgilio Roma)

Biografia

Don Milani nasce a Firenze il 27 maggio 1923 in una famiglia colta e borghese. Nel 1930 la famiglia si trasferisce a Milano, dove don Milani studiò fino al diploma di liceo classico e poi frequentò per qualche mese il corso di pittura dell’Accademia di Brera. Nel 1942, a causa della guerra e dei frequenti bombardamenti su Milano, ritornò a Firenze. Nel 1943 entrò in seminario, 4 anni più tardi diventò prete e fu ordinato cappellano a Calenzano. Qui Don Milani fondò una scuola serale per giovani contadini e operai. Nel 1954 fu trasferito nel piccolo comune di montagna di Barbiana e organizzò una scuola per sei ragazzini che avevano appena finito le elementari. A Barbiana scrisse il suo primo libro: Esperienze Pastorali, ritirato poi dal commercio per volere del Vaticano con la motivazione che il libro era una lettura inopportuna. Nel 1965 scrisse una famosa lettera a un gruppo di preti militari che avevano definito l’obiezione di coscienza un fatto vile e non cattolico. Don Milani fu processato per questa lettera. Don Milani, già molto malato, non poté partecipare al processo e dopo la sua morte la lettera fu condannata. Nel luglio del 1966 scrisse insieme agli studenti della sua scuola, che ormai erano diventati numerosi, il libro Lettera a una Professoressa. L’anno seguente morì a Firenze a soli 44 anni.

Lorenzo Faranda e Giuseppe Guerra