Ernaux, Annie

Condividi...

Risorse

Biografia

Annie Ernaux
Annie Ernaux

Annie Ernaux è una scrittrice francese la cui opera è centrata essenzialmente sulla sua esperienza individuale, a partire dall’infanzia. Nasce il 1° settembre del 1940 a Lillebonne, comune francese di poco più di 9.000 abitanti, situato in Normandia, e cresce in un paese poco lontano, in un contesto sociale piuttosto modesto, descritto in gran parte dei suoi libri.

Diversamente dai genitori, piccoli commercianti privi di istruzione, Ernaux decide di studiare, si laurea in lettere a Rouen, segue tutti i passaggi della formazione: prima come maestra elementare, poi come docente di liceo, infine consegue l’abilitazione universitaria, un rilevante traguardo personale.

Inizia a scrivere sin da giovanissima, ma il primo testo di cui chiede la pubblicazione viene rifiutato dalle case editrici. Solo a distanza di molti anni, nel 1974, vedrà la luce il suo primo romanzo, Les armoires vides, che tratta del dramma di una donna costretta ad abortire.

Nel 1984 vince il noto premio Renaudot per La place  (tradotto in Italia nel 2014), romanzo a carattere autobiografico sulla vita della sua famiglia, che la lancia in modo definitivo nella ribalta letteraria. Da questa esperienza, che si può definire di “prolungamento”, nasce il libro in cui l’autrice enuncia lo scarto tra la parola e la scrittura.

Queste le sue parole: «C’est par l’écriture que j’atteins non pas ce que je considère comme ma vérité, mais une vérité plus générale. Au fond, ce qui est oral me paraît une vérité purement personnelle. Alors que l’écrit est une vérité plus universelle».

Sempre nel 2014 viene pubblicato Regarde les lumières mon amour, libro che Ernaux presenta sotto forma di giornale tenuto nel corso di un intero anno in cui ha appuntato le sue osservazioni frequentando un centro commerciale della regione parigina (les Trois-Fontaines). L’ipermercato è visto come «grand rendez-vous humain, comme spectacle». 

Infine, nel testo L’Écriture comme un couteau Ernaux parla con Frédéric-Yves Jeannet di come ha incontrato la scrittura, del suo modo di lavorare, delle ragioni che la indirizzano. Si tratta di una sorta di esame di coscienza letteraria che nasce dallo scambio di pensieri e riflessioni tra due scrittori.

Va infine ricordato il testo Passion simple, messo in scena a teatro nel 2007, in cui vi è un’esplorazione verso l’assoluto del dolore della passione amorosa, testo che continua ad essere rappresentato in Francia.

La figura di Ernaux, anche per la sua poliedricità, è ritenuta centrale nel panorama culturale ed intellettuale della letteratura francese contemporanea.

Silvia Guzzetta